Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Basta!

19 giugno 2008


Vignette di Stefano Disegni per il Magazine del Corriere della sera.

Chi sta seguendo le partite dell’Italia agli europei ha già sentito tutto.
E io che, ingenuo, ho fatto l’abbonamento a Sky sperando di avere un’alternativa alle tristi telecronache Rai.
Por’Italia…

via

Annunci

La strada delle possibilità

9 maggio 2008




mixed media with daughter, inserito originariamente da Joshua Davis.

«I like these exercises… I get so caught up in wanting to make things perfect… it’s nice not having “undo” for a change… when you get outside of your comfort zone you venture a bit farther down the road of possibility.»

Joshua Davis

Lo stupore negli occhi / 1

25 gennaio 2008



Rabbit at Cuesta, inserito originariamente da Joel Franusic.

Succede che lavori per una settimana, presenti un progetto a un nuovo cliente importante, ricominci a lavorare senza sosta per un’altra settimana, presenti gli avanzamenti al cliente e tutto è andato veloce e denso per due settimane, tutto è stato faticosamente rivolto al progetto, pensieri, stanchezza preoccupazioni. Esci e stai pensando a come è andata e a come tutto ricomincerà domani, poi vedi i conigli che saltano sull’erba nel prato del cliente e ti trovi stupito, e sai che l’ennesima riunione è andata molto bene ma che, in fondo, il lavoro di creativo è una partita persa.

Sapienza, un’altra vergogna per l’Italia

17 gennaio 2008

I Papi hanno potuto parlare ovunque nel mondo (Cuba, Nicaragua, Turchia, ecc.). L’unico posto dove il Papa non può parlare è La Sapienza, un’università fondata, tra l’altro, proprio da un pontefice. Questo mette in evidenza due fatti gravissimi:
1) l’incapacità del governo italiano a garantire la possibilità di espressione sul territorio italiano di un Capo di Stato estero, nonché Vescovo di Roma e guida spirituale di un miliardo di persone. Piccoli gruppi trovano, di fatto, protezioni anche autorevoli nell’impedire ciò che la stragrande maggioranza della gente attende e desidera;
2) la fatiscenza culturale dell’università italiana, per cui un ateneo come La Sapienza rischia di trasformarsi in una “discarica” ideologica.
Come cittadini e come cattolici siamo indignati per quanto avvenuto e siamo addolorati per Benedetto XVI, a cui ci sentiamo ancora più legati, riconoscendo in lui il difensore – in forza della sua fede – della ragione e della libertà.

Comunione e Liberazione
15 gennaio 2008

Copia e incolla (di male in peggio)

10 ottobre 2007

opera originale, idea vecchia

Un paio di settimane fa un mio collega mi allunga il numero di settembre di Velvet, la rivista di moda di Repubblica, dicendomi che avevano pubblicato un lavoro di cui avevo scritto su questo blog. Incuriosito sfoglio le pagine, scoprendo con disappunto che l’idea di cui si parlava era identica al progetto “Sorted books” di Nina Katchadourian di cui avevo da poco scritto qui.
Le immagini parlano chiaro, basta confrontare il sito dell’artista statunitense e il sito creato dai creativi italiani, per capire che i progetti sono identici.
L’articolo di Velvet parla di una idea venuta al «geniale graphic designer e fotografo, Silvano Belloni», se non fosse che l’artista statunitense Nina Katchadourian porta avanti il suo progetto dal 1993.
Anche il sito che promuove l’idea di Belloni, Poesia dorsale, parla di paternità dell’idea, da cui è stata realizzata una mostra esposta anche alla manifestazione Parole nel tempo, che si tiene da sedici anni al castello di Belgioioso a Pavia, e che è una vetrina per tutti i piccoli editori.
Prima l’ultima nata Velvet, poi mamma Repubblica con la palese copiatura del nome dell’inserto del Guardian inglese – G2 – che diventa R2: se il mondo è sempre più piccolo essere originali potrebbe essere un modo per distinguersi.

Ho scritto a info@poesiadorsale.it chiedendo spiegazioni. Attendo risposta.
«Salve,
sono rimasto sbalordito quando ho visto su “Velvet” di settembre un articolo sul vostro lavoro, dato che avevo appena scritto della stessa cosa sul mio blog (il 29 giugno scorso, per la precisione:
https://giacomocesana.wordpress.com/2007/06/29/messaggi-imprevisti/),
raccontando però del lavoro dell’artista statunitense Nina Katchadourian, che potete vedere a questo link:
http://www.ninakatchadourian.com/languagetranslation/sortedbooks.php
e che, come dice lei stessa, procede dal 1993.
L’identicità dei lavori è inequivocabile.
Sarei curioso di sapere se nel vostro caso si tratta di una idea originale nel concepimento ma non più originale nell’atto oppure di un banale plagio.
Fiducioso di una risposta vi saluto!
Giacomo»

Ecco la risposta, ricevuta in data 17/10/2007:
«gentile Giacomo,
grazie per la mail! ma soprattutto grazie per averci fatto conoscere Nina Katchadourian. Siamo ammirati dai suoi lavori e credo ci metteremo in contatto con lei in quanto al banale plagio…. non lo è . A Napoli c ‘è una montagna chiamata “Il monte di Dio” ma i napoletani non possono esser citati di plagio solo perchè troppo distanti da Gerusalemme…
Prendiamo il positivo della tua comunicazione , ovvero essere venuti a conoscenza delle opere di Nina, perchè la poesia dorsale nasce da sentimenti positivi e del resto a chi non piace giocare?
ciao!»

Fuori tema / 1

12 luglio 2007

paninoChe ne dite di un panino fai da te, con molto stile? Il mondo dei blog riserva ogni giorno una sorpresa: oggi ho scoperto (grazie alla mia fidanzata) un blog di cucina, si chiama il cavoletto di Bruxelles. Dal loro post più recente si può scaricare un pdf pieno di ricette molto semplici per farsi dei panini gustosi. Oltre alla passione culinaria emerge una certa sensibilità grafica e, ancor più, fotografica. Certi scatti sono proprio ben realizzati, con composizioni, luci, colori e materiali proprio ben scelti. Bravi!